Scegliere un consulente SEO

Quando si sceglie un consulente SEO si è sulla buona strada per ottenere una visibilità sui motori di ricerca, in particolare Google, che risulterà decisiva per acquisire traffico interessato al sito. Una consulenza SEO di qualità è fondamentale per i siti aziendali, siti di professionisti, e-commerce e siti di hotel, ristoranti e bed and breakfast.

Perché è importante un consulente SEO

consulenza seoAvere visibilità su Google, conquistare la prima pagina significa è come aprire un negozio nella via più trafficata della città. Ma i vantaggi rispetto al mercato tradizionale non finiscono qui: un consulente SEO esperto e in gamba porta solo traffico qualificato, ovvero visitatori realmente interessati al nostro business. È come se quella via fosse percorsa solo da clienti potenziali della nostra attività.

Un consulente seo aiuta a scegliere le parole chiavi (keywords) rilevanti per i propri affari. Ad esempio, se possedete un albergo nel centro di Roma a tre stelle, le parole chiavi con le quali potreste essere raggiunti via Google sono diverse e tutte rilevanti (albergo a tre stelle Roma, hotel Roma centro, hotel 3 stelle Roma, hotel economico Roma centro e così via).

Nella stessa consulenza SEO egli si occupa di stabilire quali siano le priorità sui contenuti da ottimizzare. Deve indicare delle strategie di sviluppo del sito web, ponendo l’accento sui contenuti che potranno scalare il motore di ricerca. In molti casi è necessario ottimizzare la home page, in altri casi sarà necessario ottimizzare al meglio le pagine interne, creandole se necessario, in modo che accolgano differenti parole chiavi.

consulente seoUn consulente SEO esperto deve mettere al riparo i clienti dalle penalizzazioni di Google. Con gli anni il motore di ricerca numero uno della rete è cambiato molto. Oggi preferisce premiare i siti di qualità e quelli che non abusano di tecniche di spam per manipolare i risultati sul motore di ricerca. Ma è Google stesso a promuovere i SEO (specialisti dell’ottimizzazione sul motore di ricerca) indicandoli come le figure adatte a risolvere i problemi di visibilità. Importante è quindi che chi presta la consulenza sul posizionamento compia azioni tracciabili, lecite, basate sulla qualità. Potrà ottimizzare il sito puntando sui buoni contenuti, su un codice pulito, su tutte le tecniche di ottimizzazione che conosce. In più farà acquisire al sito dei link in entrata di qualità, ottimali sotto ogni punto di vista, che hanno un reale effetto sul posizionamento.

Cosa chiedere a un consulente SEO cui si dà l’incarico?

Innanzitutto quando ha fatto il preventivo deve darti già qualche informazione circa lo stato del sito, se è ottimizzato, se ha link in entrata e se sono di qualità o meno, se risulta penalizzato e quali sono le parole chiavi di riferimento.

Ottimizzazione e contenuti per scalare Google

In secondo luogo deve dar conto degli interventi che dovrà apportare: ad esempio un sito potrebbe essere talmente antiquato da richiedere una revisione grafica. Oppure serviranno dei contenuti per potersi posizionare con le parole chiavi richieste dal cliente. In altri casi sarà necessario realizzare una campagna di acquisizione di link in entrata. Spesso le esigenze sono combinate, soprattutto quando il sito è completamente assente dal motore di ricerca.

Su richiesta può fornire un esempio del lavoro svolto: siti precedentemente posizionati, in modo che si possano richiedere delle referenze. Personalmente quando me li richiedono indico diversi siti con gradi differenti di difficoltà e di lavoro svolto, per far vedere come lavoro. La mia esperienza nel corso degli anni mi ha portato a lavorare a fianco a multinazionali di importanza assoluta, come per piccoli imprenditori in cerca di fortune sul web. Per ogni sito c’è una strategia valida, bisogna solo saperla individuare.

Quanto può migliorare il sito

Può inoltre fornire dei dati certi: non può promettere una determinata posizione, ma può dire quanto traffico ci si aspetta se la si ottiene. Un buon consulente SEO non ha timore di dire al suo cliente che le parole chiavi che ha in mente quest’ultimo sono sbagliate. Bisogna sceglierle insieme ragionando in termini di contenuti. Più parole chiavi si vogliono posizionare più contenuti sono necessari. Il cliente deve sapere che ogni attività supplementare ha un costo, ma per ogni costo deve pretendere un risultato conseguente anche complessivo e di media durata, ma che deve arrivare.

Inoltre il contratto non dev’essere capestro. Personalmente faccio interventi mirati, chiedo una consulenza di 12 mesi per permettere al sito di crescere in modo adeguato, ma mi riprometto di portare risultati già nelle prime settimane, con interventi chirurgici fin dall’inizio. Dipende da caso a caso.

Di contro al cliente chiedo quale, secondo la sua esperienza commerciale, è la tipologia di cliente che si aspetta. Se ha fatto una campagna di posizionamento con altri specialisti del settore, se è a conoscenza di penalizzazioni inflitte da Google sui siti, se aggiorna regolarmente, se produce materiale originale e se conduce delle campagne di web marketing pay-per-click su AdWords. Sono informazioni che aiutano a disegnare al meglio una strategia vincente e che come consulente SEO esperto chiedo sempre.

Chiedi Un Preventivo Senza Impegno

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi