Posizionamento: una triade che funziona

La cintura di Orione

La cintura di Orione

Avete mai letto libri o visto documentari sulla celebre (e quanto mai falsissima) correlazione di Orione? Propagandano la teoria che le piramidi di Giza siano state costruite seguendo la traccia della cintura di Orione, una sorta di mappa in terra. Detto che si tratta di una bufala, esiste una grande correlazione nel posizionamento, che riguarda tre elementi imprenscindibili e che cambiano di molto le prospettive di un sito. Una triade insomma che non può causarvi molti problemi

L’anchor txt del link in entrata

La prima punta della triade – l’anchor text del link esterno / i link in entrata, come si sa, sono molto importanti per aumentare l’autorevolezza del vostro sito. La campagna di link building dev’essere costante e targetizzata, rivolta in primo luogo ad estendere la popolarità verso siti che condividono il tema generale del nostro website.

Tra i link in entrata quelli che sembrano funzionare maggiormente, in termini di relazione, sono quelli rivolti verso pagine interne, in contesti funzionali, tematici. Immaginate che il vostro sito tratti di scarpe sportive, il link che funziona meglio sono quelli racchiusi all’interno di un contesto logico e semantico particolare:

“La Nike, produttore delle migliori scarpe sportive del mondo utilizzate da atleti come Dwayn Wade e Usayn Bolt, re di pallacanestro e atletica, ha una lunga storia…”

Il link diretto alla pagina interna che tratta di scarpe sportive è quello sottolineato in blu. Le parole verdi sono keywords correlate che presumibilmente – de relato – trattate nel sito, ma anche parole che definiscono il tema del testo e quindi rafforzano il concetto semantico e logico. Il link, apparentemente isolato, sarà più forte per il concorso del testo correlato. Soprattutto se a sua volta il nostro sito non parla genericamente di scarpe sportive, ma approfondisce il tema.

Questo discorso vale per tutti gli agomenti. Ovviamente l’obiezione sta nel fatto che non è semplice trovare link del genere, così forti. Io descrivo una situazione ideale, resta il fatto che un link a una pagina principale andrebbe comunque dato all’interno di una cornice semantica appropriata.

Il testo

La seconda punta che dà forza al posizionamento del sito su Google è data dal fattore testo – come accennato in precedenza, se un link in entrata porta a una pagina priva di spessore non ci sarà quell’effetto di rafforzamento del link prodotto dal testo. Nel nostro esempio la pagina linkata (con anchor text “scarpe sportive”) deve contenere un testo che richiama a sua volta, con parole chiave correlate, argomenti inerenti a quelli riprodotti nel testo del link in entrata e più direttamente con l’argomento secco dell’anchor text.

Il nostro sito offre una rassegna di scarpe sportive: scarpe da tennis, scarpe da basket, scarpette da calcio e da atletica leggera di tutte le marche, in particolar modo Adidas, Nike, Lotto e Reebok. Le scarpe da pallacanestro e da atletica sono vendute in offerta, approfitta della promozione

Un testo del genere richiama le parole chiavi correlate, espande l’area delle keywords, ridefinisce gli argomenti facendo propria la forza dell’anchor text. Infatti, se l’anchor fosse “scarpe sportive” e la pagina trattasse solo di racchette, non ci sarebbe questo concorso di rafforzamento.

Allo stesso modo la pagina col testo può contenere uno o due link in uscita, su anchor text rilevanti, verso pagine esclusivamente inerenti ed autorevoli.

Il meta tag title

La terza punta della triade è infine quella rappresentata dal meta tag TITLE, di cui abbiamo parlato altre volte. La pagina ricca di testo ancorata ad un link in entrata forte, correlato, tematico e ottimizzato, deve possedere un meta tag TITLE congruo impostato sulla principale parola chiave del sito, appunto quella dell’anchor text del link in entrata. Ma il TITLE TAG non si limiterà alla parola chiave secca, se è possibile espanderlo lo si fa, richiamando le parole chiave correlate del testo intorno al link in entrata, peraltro presenti nel testo della stessa pagina:

Scarpe Sportive, Nike, Adidas, scarpe da basket e da tennis

In questo modo si ottiene un effetto benefico: la pagina per la ricchezza delle proprie componenti testuali e di link potrà corrispondere a più ricerche correlate, ottenendo quell’effetto di autorevolezza necessario a scalare i vertici di Google.

3 Comments

  1. Pietro

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi