I fattori di posizionamento su Google Maps (Local Seo)

Per le attività locali, che hanno necessità di essere trovate e raggiunte sul proprio posto, come ad esempio gli alberghi, i ristoranti, ma anche chi serve una determinata area, il posizionamento nella mappa di Google è fondamentale.

Google è un motore a rilevanza locale: cioè premia i risultati dell’area di pertinenza della ricerca, sia essa definita nella query (esempio: hotel centro di Roma), sia essa resa nota dall’IP di chi cerca (risultati personalizzati in base al luogo in cui mi trovo).

fattori di posizionamento nel local seo

I fattori di posizionamento che determinano la presenza nella mappa in testa ai risultati sono differenti da quelli che orientano l’ordine di indicizzazione nelle ricerche globali di Google. Questo perché Google ha necessità di avere delle conferme, delle convalide, circa la presenza dell’attività nella zona di pertinenza. Per ottenere queste convalide Google scansiona i siti alla ricerca di informazioni credibili che confermino

  1. La presenza dell’attività in quel preciso indirizzo e non in un altro
  2. L’attualità dell’attività e dei servizi prestati in quella zona

Nel primo caso si avvale delle citazioni, ovvero della ricorrenza dell’indirizzo fisico e di altri elementi di ratifica della posizione in quel dato posto. Nel caso di un hotel, per esempio, è fondamentale che Google verifichi la posizione sia cercando le ricorrenze dell’indirizzo fisico per esteso (NAP), sia inviando documenti di verifica a chi iscrive la propria attività su Google My Business.

Nel secondo caso, Google si affida agli utenti: se il sito è presente sul web attraverso link e citazioni, recensioni e consigli, se l’indirizzo viene costantemente ripetuto e richiamato, ciò basta a considerare reale ed esistente l’attività e quindi degna di essere menzionata.

I fattori che determinano il posizionamento sulla mappa di Google

I fattori di posizionamento dell’organico, in senso stretto, si applicano anche a Google Maps, con la differenza che l’elemento geografico è più importante e in qualche modo centrale.

Ne consegue che i principali elementi su cui puntare, per apparire nella mappa di Google al vertice della pagina dei risultati siano:

Enfasi sulla località geografica

Se sto tentando di far comparire la mia attività presente a Roma è necessario che la città sia nominata. Sia nel title tag della pagina landing dove voglio far arrivare il traffico, sia nelle pagine di supporto. La localizzazione del sito parte da elementi testuali e di scrittura che non possono essere elusi.

Qualità dei link in entrata

I link in entrata (backlink) pochi ma buoni, devono essere autorevoli e in qualche modo avere un collegamento con la zona geografica. Un’attività pertinente a una precisa area geografica ha buone opportunità di essere notata da blog a carattere locale. Ad esempio: se in un hotel si tiene un convegno, è assai probabile che un giornale locale lo menzioni.

Rilevanza geografica delle pagine di riferimento

Se il sito ha rilevanza geografica in più aree, come un’azienda che ha rilevanza regionale o in più regioni, la pagina di riferimento dell’attività in zona deve ugualmente ricevere queste conferme da parte di link autorevoli, di qualità, a rilevanza local.

Sede dell’attività nella zona geografica

Presenza fisica sul luogo: molti proprietari di siti sono convinti di potersi posizionare in una città senza esservi fisicamente presenti. Se non si ha una sede verificata in zona, Google preferirà sempre e comunque le attività che lì hanno sede e possono servire il pubblico. Per cui è necessario confermare la presenza in loco, sia riportando correttamente l’indirizzo (adottando il markup schema.org), sia diffondendo questo indirizzo nel web. A patto che esso esista veramente e sia stato verificato.

Scheda verificata su Google My Business

Infatti, è molto importante che l’attività disponga di una scheda su Google My Business – precedentemente conosciuto come Google Places – affinché l’indirizzo sia verificato con i sistemi messi a disposizione da Google. L’indirizzo segnalato nel sito deve combaciare perfettamente con quello verificato nella scheda e presente anche altrove. La conseguenza di questa “validazione” sta nel fatto che bisogna fare in modo che l’indirizzo fisico sia presente solo in una determinata forma, quella adottata in Google My Business (nella canonica forma “via, numero civico, CAP, località, provincia”).

Citazioni verificabili e ad alta rilevanza

Le citazioni locali partono da siti facilmente verificabili. Un hotel ha facilità nel reperirle, essendo presente magari in TripAdvisor, Booking, Venere e altri servizi di prenotazione online. Tuttavia, non tutte le attività locali sono ricettive e turistiche, anzi, la maggior parte non lo sono. Per ottenere citazioni verificabili meglio affidarsi ai social e agli altri motori di ricerca. Esiste un ecosistema locale che Google tiene in grande considerazione; esso riguarda le schede aziendali create su Facebook, su Bing, su Google + (integrate con My Business), la presenza in directory local ad alto impatto, Foursquare, Yelp e altre ancora. Iniziare da queste per raccogliere citazioni verificate è il minimo.

Conferme della zona presenti in tutto il sito

L’elemento localistico è rilevante e fa la differenza: esso va adottato nel testo, ponendolo in giusto risalto nei titoli dei paragrafi, ma anche nei backlink che si riferiscono all’attività. Inoltre va creata una correlazione tematica tra attività e luogo, individuando le connessioni tematiche che confermano il rapporto tra ciò che si fa e dove lo si fa. Per esempio, un’agenzia che operi sul territorio, un’azienda che abbia svolto dei particolari lavori in zona hanno tutto l’interesse a mostrare il lavoro compiuto. Quando nel sito si parla del lavoro svolto – se lo si fa in maniera coerente e completa e con un occhio alle parole chiavi – è assai probabile che si legheranno i temi dell’attività, cercati dall’utente, con la zona di competenza (l’area di lavoro).

Conferma della zona dai link in entrata

L’elemento locale nei backlink è rilevante ed esso va confermato citando la località più spesso di quanto non si faccia. Ma come sempre è meglio far prevalere la qualità alla quantità, ponendo l’accento sui contenuti interni.

In definitiva, un sito ben posizionato nell’area di riferimento trova conferme della zona dai backlink, dal testo interno, dall’utilizzo di keyword appropriate, dall’attenzione posta nel riportare correttamente l’indirizzo, dal ricevere conferme e validazioni da fonti assai rilevanti (come gli account social riportati sopra), dall’ottimizzare compiutamente il sito in senso localistico, assegnando la prevalenza all’area geografica di volta in volta servita.

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi